Il Viaggio dei Magi – l’incontro tra due moti centrifughi

img_8148

Uomini vanno a  Dio nella loro tribolazione,

piangono per aiuto, chiedono felicità e pane,

salvezza dalla malattia, dalla colpa e dalla morte.

Così fan tutti, cristiani e pagani, fanno senza distinzione.

Uomini vanno a Dio nella sua tribolazione,

lo trovano povero, oltraggiato, senza tetto e senza pane,

lo vedono consunto da peccati, debolezza e morte.

Vicino a Dio i cristiani stanno nella sua passione.

Dio va a tutti gli uomini nella sua tribolazione,

sazia il corpo e l’anima del suo pane,

per cristiani e pagani in croce subisce la morte

e a questi e a quelli dona remissione.

Bonhoeffer

I Magi

( cf. Mt. 2, 1 – 18 )

La loro è la storia di un viaggio rischioso, sul modello di quello di Abramo che “partì senza sapere dove sarebbe andato” (Eb. 11,8). Il filosofo francese Emmanuel Lévinas ha sottolineato che al mito di Ulisse che ritorna ad Itaca, al quieto vivere familiare, al passato nostalgico, nella Bibbia si oppone la storia di Abramo e dei Magi che lasciano la loro patria per una terra e una famiglia ignota.

E’ il senso di quella bellissima definizione che gli Ebrei dell’Antico Testamento si danno come figli dell’esodo dall’Egitto: “Noi non siamo forestieri come i nostri padri” ( 1 Cr. 29, 15).

E’ l’esortazione di Isaia (2, 3-5): “Venite, saliamo al monte del Signore …… casa di Giacobbe vieni, camminiamo nella luce del Signore!”

Il viaggio dei Magi diventa così l’emblema della vita cristiana intesa come sequela, discepolato, ricerca.

Il viaggio esige coraggio, distacco, ricerca, speranza.

Chi è legato a terra dai pesi delle cose e degli egoismi è incapace di essere pellegrino.

remagi.jpg

Dal Natale all’epifania

*Natale ha un moto centripeto.

L’Onnipotente fattosi bambino è visto non tanto come l’inaudita uscita di Dio da se stesso quanto come il Verbo incarnato divenuto simile a noi. “Emmanuele – Dio con noi” (cf. Mt. 1, 23; Is. 7, 14) è la qualifica biblica alta ed è il cuore stesso del Natale. Di fronte al presepe prevale il sentimento dell’omogeneità, del pacificato accoglimento della nostra condizione di vita: è difficile per l’orecchio interiore cogliere la chiamata ad uscire da se stessi.

*L’Epifania è caratterizzata da un moto centrifugo.

La stella sta ai Magi come la voce del Signore sta ad Abramo: “Vattene dalla tua terra, dal tuo luogo natale e dalla casa di tuo padre, verso la terra che io ti mostrerò”. ( Gen.12,1)

I Magi dell’Oriente, luogo simbolico della salvezza di Dio sono chiamati a compiere un pellegrinaggio in occidente.

Vanno per offrire e non per ricevere doni, per incontrare la manifestazione di Dio rinunciano a parte di quel che possiedono.

Per trovare Dio e compiere l’offerta a Lui gradita i gentili devono guardare in una direzione apparentemente difforme dal corso del mondo. Per incontrare la luce si deve seguire il corso del sole, andando da oriente a occidente, ma essendo guidati da una stella, saper camminare solo nella notte. Per uscire dal buio delle origini (cf. Gen. 1,2)bisogna osservare un bagliore che ci indirizza fuori di noi.

L’Epifania  è l’incontro di due moti centrifughi: quello di Dio che si manifesta alle genti e quello dei gentili che s’incamminano verso Dio. Poi, per l’uno e per gli altri, si dischiude anche la via del ritorno (cf. Mt. 2,12).

Il mettersi per via da parte dei Magi è il simbolo del nostro andare in cerca di un Dio che ci ha fatto balenare una luce per poi eclissarsi. Quel bagliore è sufficiente per aspettare una nuova venuta.  L’attesa è chiamata a divenire un cammino.

L’alternanza di luci e ombre nelle nostre vite presuppone una duplice ricerca:

dell’uomo da parte di Dio e di Dio da parte dell’uomo.

da “E’ Natale ancor” di P. Stefani

Diacono Ruggero Radaelli

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...