Pellegrinaggio e Famiglia

 

sacra-famiglia-giotto

Luca, nei cosiddetti Vangeli dell’infanzia, narra di due pellegrinaggi (Lc 2, 41 – 52) di cui noi abbiamo già parlato qualche tempo fa, quello verso il tempio e, di ritorno, quello verso casa, verso i volti e le persone.

Gerusalemme e Nazareth sono i due poli dentro i quali dovrebbe battere il cuore di ogni famiglia: occuparsi delle cose di Dio e poi custodire le persone che ci sono affidate.

Quali sono le cose del Padre?

Cose e gloria di Dio è soprattutto l’uomo e quindi la giustizia, e perciò la pace e la libertà per ogni figlio dell’uomo.

Doppio pellegrinaggio: verso Gerusalemme e verso Nazareth.

Gerusalemme che dice: “Amerai il tuo Dio con tutto il cuore”, Nazareth che dice: “Amerai il prossimo tuo come te stesso”.

Pellegrinaggio verso il tempio che ammonisce: “Non di solo pane vive l’uomo”, pellegrinaggio verso la casa che prega : “Dacci oggi il nostro pane quotidiano”.

Saper unire Gerusalemme e Nazareth, l’eterno e il quotidiano, le cose di Dio e la mia gente,  il respiro della grande storia dove lo Spirito ha dispiegato le sue ali e la cronaca di casa. Questa è la nostra santità, la santità delle nostre famiglie; unire insieme Gerusalemme e Nazareth fino a che siano luogo di Dio e luogo del cuore.

 

img_8148

Santa Maria compagna di viaggio

Santa Maria,
Madre tenera e forte,
nostra compagna di viaggio sulle strade della vita,
ogni volta che contempliamo
le grandi cose che l’Onnipotente ha fatto in te,
proviamo una così viva malinconia per le nostre lentezze,
che sentiamo il bisogno di allungare il passo
per camminarti vicino.

Asseconda, pertanto, il nostro desiderio
di prenderti per mano, e accelera le nostre cadenze
di camminatori un po’ stanchi.
Divenuti anche noi pellegrini nella fede,
non solo cercheremo il volto del Signore,
ma, contemplandoti quale icona della
sollecitudine umana verso coloro che
si trovano nel bisogno,
raggiungeremo in fretta “la città”
recandole gli stessi frutti di gioia
che tu portasti un giorno a Elisabetta lontana.     Tonino Bello

bello.jpg

Diacono Ruggero Radaelli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...