Vivere camminando sulla strada del cuore.

Da tempo stiamo vedendo come nelle Sacre Scritture il viaggio assume diverse coloriture, ma è sempre dominante, segno e strumento di ogni vero cammino spirituale.

La strada del cuore.

La Bibbia, contenitore delle più significative esperienze umane, non poteva non accogliere nel suo grembo esperienze di viaggio. Una diversa dall’altra, con infinite sfumature, come il grigio in una xilografia di Dürer. Per semplicità le raccogliamo in tre fasci; al suo interno, per comodità, le abbineremo a dei personaggi.

Sarah_Abraham

Abramo, il viaggio come condizione esistenziale

Ci sono popoli la cui ragione d’essere consiste nello spostarsi, nel cambiare continuamente luogo. L’antico Israele si è identificato con i beduini, ha raccontato dei suoi antenati come persone riluttanti a stabilirsi in una località definita. Il capostipite Abramo, secondo alcuni testi sarebbe stato originario del sud dell’Iraq e avrebbe percorso buona parte della Mezzaluna fertile per raggiungere la terra di Canaan, con una puntata anche in Egitto.

La consapevolezza di questa condizione è scolpita in una formula di fede che ogni pio Israelita dovrebbe recitare ogni anno al momento di presentare al Signore le primizie del raccolto, durante la festa delle Settimane o della mietitura:

e tu pronuncerai queste parole davanti al Signore, tuo Dio: “Mio padre era un Arameo errante; scese in Egitto, vi stette come un forestiero con poca gente e vi diventò una nazione grande, forte e numerosa.

Dt26,5

In questo “piccolo Credo storico”, com’è stato denominato, il patriarca Giacobbe viene definito un “Arameo errante”.

Quale il padre , tale il figlio, verrebbe da dire. infatti “i figli di Giacobbe/Israele” vedranno la loro storia lastricata di viaggi, di esodi e contro esodi.

Storicamente esiste anche una posizione di sostenitori della bellezza del viaggiare per il viaggiare, che ha il suo compimento nel romanzo “Sulla strada” di Jack Kerouac (1957). Nella Bibbia, al contrario, la meta, offerta in dono dall’Altro, sorregge il viaggio del credente, gli dà un senso, una direzione. E come dice una canzone appartenente alla mia giovinezza : “ Cammina l’uomo quando sa bene dove andare”.

freccia dalai lama

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...