“Partire e rientrare”: il percorso della vita dell’uomo.

Sono caduto sulla terra dove tutti soffrono allo stesso modo come per tutti il pianto fu la mia prima voce”.      

    Sap 7,3

Salmo 121

Gli occhi miei sollevo ai monti :

donde mai mi viene aiuto?

Il mio aiuto vien da Dio,

egli ha fatto cieli e terra.

Non ti lascia il passo incerto,

né mai dorme il tuo custode,

e neppure si assopisce

il custode d’Israele.

Tuo custode è Dio, il Signore,

al tuo fianco è scudo e ombra:

non ti prostri il sole a giorno,

né di notte luna inganni.

Da ogni male ti è riparo,

e difende la tua vita:

se tu parti con te viene,

con te rientra : ora e sempre .

Versione poetica (si può anche cantare su melodia di B. de Marzi) di Padre Turoldo.

Nell’originale ebraico ricorre per sei volte la radice verbale che indica il “custodire” della sentinella che veglia sulla città nella notte. Dio è infatti, dipinto in questa preghiera di fiducia, come la sentinella che mai si assopisce, pronta sempre a diventare scudo del suo fedele nelle oscurità della notte, quando i raggi della luna possono accecare o fare impazzire (come credeva il folklore orientale), oppure ombra nel cammino assolato del giorno. Gli occhi del fedele sono, perciò, protesi ai monti di Gerusalemme (non dimentichiamo che questo è il secondo “salmo delle ascensioni”) dove si erge il Tempio e da dove viene la forza del divino custode. Il Signore, infatti, copre con la sua vigilante protezione il “partire” e il “rientrare” dell’uomo, cioè tutto il percorso della vita, dall’uscita dal grembo materno fino all’ingresso nel grembo della terra (v 8).

Card. G. F. Ravasi

Preghiera

Dio, che ti sei fatto nostro compagno di viaggio, in te solo abbiamo fiducia, perciò andiamo sereni per la strade della vita, gioiosi di essere un segno della tua amorosa presenza pur in questa agitata storia del mondo.


L’ultima attesa

…. 13 Aprile del ’97.

Una domenica ariosa. 

Mio padre sta morendo.

Si muove a scatti nel letto,

forse i suoi respiri terminali

altrove sono già le euforiche , gioiosissime

pure contrazioni di chi sta per tornare. 

E per un attimo in chi assiste

passa un sottile senso d’invidia.

Mario Santagostini

2 pensieri su ““Partire e rientrare”: il percorso della vita dell’uomo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...